Premi e onorificenze Città di Bellinzona

Nel corso della tradizionale Cerimonia di fine anno la Città assegna i premi per meriti sportivi, culturali e la menzione speciale a personalità che hanno tenuto alto il nome di Bellinzona in Ticino, in Svizzera o addirittura in ambito internazionale. Dalla costituzione della nuova Bellinzona nel 2017 sono stati insigniti di questa onorificenza:

 

2017

Premio al merito culturale a Giancarlo Tamagni per la sua lunga attività e il suo impegno nell’ambito dell’arte contemporanea.

 

Premio al miglior sportivo a Christopher Cappelletti per i brillanti risultati ottenuti nelle diverse discipline, che hanno fatto di lui uno dei nuotatori più titolati a livello cantonale ed emergenti a livello nazionale.

 

Premio al merito sportivo a Luca Cereda per la sua nomina alla guida della prima squadra dell’Hockey Club Ambrì Piotta.

 

Menzione speciale a Giorgio Noseda per quanto fatto in molti anni a favore del Ticino, della sua popolazione e della Città di Bellinzona in ambito scientifico e culturale.

 

2018

Premio al merito culturale a Gionata Bernasconi per quanto realizzato nel campo della narrativa per bambini.

 

Premio al miglior sportivo all’Associazione calcio Bellinzona per quanto fatto dalla società negli ultimi 4 anni coincisi con la rinascita dopo il fallimento, le tre promozioni conquistate sul campo e il ritorno nella terza serie del calcio svizzero.

 

Premio al merito sportivo a Kubilay Türkylmaz quale riconoscimento per la brillante carriera calcistica difendendo tra gli altri i colori dell’AC Bellinzona e della Nazionale svizzera.

 

Menzione speciale a Luigi Snozzi quale riconoscimento per l’importante lavoro svolto in tanti anni in ambito architettonico e urbanistico.

 

2019

Premio al merito culturale a Claudio Scaramella per aver accolto nel suo negozio By Pinguis gli appassionati delle sette note, consigliando con passione e competenza intere generazioni di giovani e meno giovani.

 

Premio miglior sportivo/a ai fratelli Nancy e Michael Fora per il contributo dato al movimento sportivo ticinese e svizzero, in particolare:

-          a Nancy Fora per i brillanti traguardi raggiunti nel basket con il ruolo di difensore sia nella squadra friborghese degli BCF Elfic Fribourg Basket , sia nella Nazionale svizzera femminile;

-          a Michael Fora, difensore nella prima squadra dell’Hockey Club Ambrì Piotta, quale riconoscimento per l’impegno, la passione ed i successi ottenuti con la maglia biancoblù e la nazionale svizzera.

 

Menzione speciale alla dottoressa Cristiana Sessa quale riconoscimento per i traguardi raggiunti nello sviluppo di nuove innovative terapie antitumorali e l’impegno nel trattamento dei tumori ginecologici.

 


 

..

Qualche cenno storico:

Nel 1957 il Municipio, con l’allora Sindaco Pierino Tatti, decise “allo scopo di dare incremento a una sana attività ginnico-sportiva della gioventù bellinzonese”  di assegnare annualmente – valutando le proposte della commissione sportiva -  un premio allo sportivo migliore dell’anno.

Il progettista dello stadio comunale, arch. Beyeler, donò all’Esecutivo un trofeo quale premio da consegnare all’atleta insignito di tale riconoscenza. La statuetta – anche conosciuta come “il trofeo Beyeler” - viene ancora oggi data in consegna per un anno al miglior sportivo nel corso della Cerimonia di auguri di fine anno.

 

Per la prima volta nel 1976 il Municipio affiancava all’ambito trofeo un secondo riconoscimento, quello al merito sportivo: inizialmente attribuito ad una singola società - nel 1976 la novità fu inaugurata dall’Associazione calcio Bellinzona – questo riconoscimento venne successivamente aperto annualmente a più atleti o società.

 

Nel 2006 il Municipio ritenne opportuno istituire anche il Premio cultura da assegnare alla persona o all’associazione meglio distintasi nel corso dell’anno nel campo culturale.

 

Dal 2014 si aggiunge un terzo premio: la Menzione speciale Città di Bellinzona.

Comunicati stampa